Ott 18

Domenica 22 ottobre, con inizio alle ore 14.30, avrà luogo “Storicamente Parco”, la ormai tradizionale manifestazione culturale-ricreativa, giornata di animazione ad ambientazione storica, liberamente aperta alla cittadinanza, che si tiene annualmente nel Parco Culturale di San Giovanni. Nasce dall'impegno per costituire un evento a rinforzo e promozione di una rete partecipativa che sollecita, in questo caso, la presenza di esperti e conoscitori storici: utile e piacevole opportunità per scolaresche, curiosi ed appassionati. Concepita quale contenitore d'immaginazioni della storia passata presente e futura, inaugurata ad ottobre 2014, con il Medioevo, vuole estendersi ad una rappresentazione dell'esistente attuale e una prefigurazione del Parco stesso come potrebbe essere tra un anno, o dieci, o un secolo...fantasia permettendo.
L'evento, organizzato dal Centro Diurno Diffuso del Dipartimento di Salute Mentale, dai volontari dell'Associazione di Volontariato Franco Basaglia e del Servizio Civile Nazionale, in collaborazione spontanea con Associazioni, Cooperative Sociali, gruppi e singoli cittadini, mette all’opera disponibilità, entusiasmo e capacità d’iniziativa, volti alla valorizzazione e all’integrazione del parco stesso con la città.
Quest'anno si propone un programma dove non mancheranno dimostrazioni, spiegazioni e giochi popolari; bambini, ragazzi e adulti potranno cimentarsi nella “corsa della patata” e prodursi nelle abilità della “rottura dele nosi e dei scartozzi”; creare i propri costumi con le tele di sacco, imparare come si costruisce una candela, simulare duelli e battaglie con scudi e spade di cartone colorati da loro stessi; ci sarà anche un angolo per il trucco, animato da una truccatrice esperta.
L'Associazione Compagnia de Tergeste movimenterà l'accampamento medievale e si produrrà nelle esibizioni e gli armeggi delle sue dame e dei suoi uomini d'arme, tutti bardati con tipici e fedelissimi costumi dell'epoca.
A cura degli arcieri dell'associazione Dardi Uniti Vertraghi, avranno luogo le esibizioni e le prove di tiro con l'arco.
Al calar della luce, la manifestazione si concluderà con la tradizionale fiaccolata in costume.
Il bar - ristorante Il Posto delle Fragole sarà attivo per ristorare organizzatori e partecipanti .

Ott 17

Nelle giornate in cui ricorre il centenario della «battaglia di Caporetto» affidiamo la memoria di quel terribile conflitto a uno studio storico che mette al centro le conseguenze degli eventi bellici sui soldati impegnati al fronte. Giovedì 26 ottobre alle 17.45 presso il Centro di Salute Mentale al Parco Basaglia di Gorizia sarà presentato «Follie di guerra».

Il libro di Ilaria La Fata «Follie di Guerra. Medici e soldati in un manicomio lontano dal fronte (1915-1918)», pubblicato da Unicopli nel 2014, affronta il tema dei soldati che tra il 1915 e il 1918 furono internati in manicomio per i traumi prodotti dall’esperienza di un conflitto che, per dimensioni e forme, sottopose milioni di uomini e le popolazioni civili a una violenza nuova e inaudita.
Lo studio del caso dei ricoverati condotto dall'autrice basandosi su una ricerca d'archivio nell’ospedale psichiatrico di Colorno – nel quale per oltre un secolo furono internati i malati della provincia di Parma, e dove Franco Basaglia avrebbe prestato la propria opera dopo aver lasciato Gorizia – permette di misurare concretamente la portata di quei traumi in un ospedale lontano dal fronte e la diversità degli approcci e delle interpretazioni della «follia di guerra» da parte di medici militari e civili.

Piero Purich, storico indipendente triestino, si occuperà dell'inquadramento storico degli eventi bellici per permettere alle e ai partecipanti di leggere la vicenda degli internati di Colorno sullo sfondo della tragedia bellica che si consumava cento anni prima su questo territorio.

La presentazione di questo lavoro assume ulteriore interesse anche per il fatto di essere proposta nel centenario della disfatta dell'esercito italiano che si consumò tra la fine di ottobre e i primi di novembre del 1917 proprio nei dintorni di Gorizia.
Nelle strutture dell'ex Ospedale psichiatrico di questa città è attivo da due anni, per iniziativa del DSM e della Cooperativa La Collina, un progetto di recupero dell'archivio del vecchio ospedale psichiatrico, progetto al quale partecipano diversi utenti del CSM, coadiuvati dall'archivista Sara Fantin.
L'incontro fa parte delle molte attività mirate all'apertura alla cittadinanza degli spazi del Parco Basaglia.

Partecipano:
Ilaria La Fata, ricercatrice del Centro Studi Movimenti di Parma, autrice del libro
Piero Purich, storico

Intervengono:
Luca Meneghesso, già operatore psichiatrico e ricercatore
Alessandro Saullo, psichiatra del Centro di Salute Mentale di Gorizia
Sara Fantin, archivista

L'evento è a cura di:
Centro di Salute Mentale di Gorizia - Dipartimento di Salute Mentale dell'Ass 2, Bassa Friulana-Isontina
Radio Fragola Gorizia (La Collina Cooperativa Sociale)

Ott 17

Per due sabati consecutivi, il 21 e 28 ottobre alle 10.30, alla Biblioteca "Bruna Lizzi De Minicis"  di Lignano Sabbiadoro arrivano le Piccole Storie d'Autunno, incontri di lettura per bambini a cura di Elisa della cooperativa sociale La Collina. Leggere ad alta voce ai bambini favorisce lo sviluppo della relazione tra bambino e genitore e stimola le capacità cognitive e linguistiche, l’attenzione, la concentrazione, il livello di autostima e la sicurezza. 

La lettura di sabato 21 ottobre, prevede una serie di racconti riguardanti specialmente il tema dell'autunno, come "Il domatore di foglie" di Maria Moya e "Una foglia" di Silvia Vecchini e tantissime altre storie.
Alla fine del ciclo di letture verrà offerto un piccolo buffet a tutti i partecipanti.

La Biblioteca si trova in via Treviso, 2 presso il Centro Civico "Sandro Pertini". Per informazioni: 0431 409160; 0431 73501 oppure inviate una E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ott 13

Torna Fe' Ste Feste Festival con una terza edizione tutta da scoprire. Da ottobre a maggio, a metà “più o meno” di ogni mese, gli spazi del Posto delle Fragole saranno trasformati in una vera e propria galleria con installazioni, opere pittoriche e fotografiche accompagnate ogni volta da una band d’eccezione. Unire l’arte alla musica, dando vita a un evento dove estro, emozione e sonorità ricercate la fanno da padroni è l'obiettivo della rassegna. 8 appuntamenti per tutti i gusti e le età: dal jazz all'hip hop passando per la musica d'autore, dalla pittura ad installazioni con materiali quotidiani. Si comincia sabato 14 ottobre alle 21.00 con la personale dell’artista triestino Francesco Demundo e il concerto di Moahmmed Chang. tutti gli eventi sono ad ingresso libero

Fè Ste Feste Festival è un evento ideato e organizzato dalla Cooperativa Sociale La Collina. Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito e si svolgono al Posto delle Fragole.

Ott 10

Non c’è due senza tre !!! Terza edizione di Fè Ste Feste Festival, l’appuntamento mensile con arte e musica al Posto delle fragole nel Parco di San Giovanni a Trieste. A partire da ottobre fino a maggio, a metà “più o meno” di ogni mese, gli spazi del Posto delle Fragole saranno trasformati in una vera e propria galleria con installazioni, opere pittoriche e fotografiche accompagnate ogni volta da una band d’eccezione.

Si comincia sabato 14 ottobre alle 21.00 con la personale dell’artista triestino Francesco Demundo.

È nella tattilità dei materiali impiegati che ritroviamo lo spirito più profondo dell’opera di Francesco Demundo. E l’ironia (di un’immagine piegata al suo volere o di un titolo a sottolinearne il significato) fa da cornice a questa testimonianza e, in qualche modo, la completa.

Nel recupero del relitto e dello scarto, e nella casualità di questi incontri polimaterici, non c’è una vera estasi estetica, ma, piuttosto, ritroviamo un muro e un limite da intendere come coscienza antagonista al vuoto sconosciuto dell’abisso e del precipizio. In questo modo, la parte nota della storia, si fa perimetro e diviene un argine che ci permette di sopravvivere all’ingorda fame della devastazione.

A seguire il concerto dei Mohammed Chang.

Ottima attività svolta con suoni indefiniti da un eptetto di nuovi talenti. Ecco una band d’incontri … Mohammed Chang, cuore che non mente, parente del Dalài Bilama, progenitore e succube dell’heavy—mental, vi porterà in una fantastica foresta solo per il gusto d’abbandonarvicisivi.
Scaturìtevene!
dove il 5 incontra l’11…
(e no xé vìa Massimo D’Azeglio)


Fè Ste Feste Festival è un evento ideato e organizzato dalla Cooperativa Sociale La Collina. Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito e si svolgono al Posto delle Fragole.

Ott 03

Quando le certezze vengono meno, ci si può salvare solo su quella zattera in cui la solidarietà con l'altro dà senso al sacrificio nostro.

Eugenio Borgna

Il 10 ottobre ogni anno si celebra la Giornata mondiale della Salute Mentale, promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza sui problemi di salute mentale e mobilitare gli sforzi.

La prima edizione si svolse nel 1992, su iniziativa della Federazione Mondiale per la Salute Mentale, un’organizzazione con radici in più di 150 Paesi.

Proprio nella giornata di martedì 10 ottobre, dalle 15.35 sarà possibile ascoltare Radio On The Mind. Un contenitore speciale con interviste e approfondimenti su contenzione, legge 180, parte dell'audiodocumentario “B come Basaglia” realizzato dal progetto Radio Fragola – Gorizia e i racconti delle esperienze di chi attraverso la radio ha messo tra parentesi la propria malattia.

Dal 1984 Radio Fragola è sempre stata cuore pulsante di iniziative culturali e di lotta contro ogni forma di stigma. La radio è strumento principe per raggiungere non solo le periferie geografiche di quanti si trovano fisicamente lontani dalla propria comunità, ma soprattutto quelle esistenziali. Quei luoghi dove uno si rifugia quando è emarginato, lacerato da tensioni e incapace di relazionarsi con gli altri. Radio On The Mind intende sensibilizzare gli ascoltatori su questi temi promuovendo consapevolezza e ragionamenti in grado di stimolare processi di inclusione sociale e lotta contro lo stigma.

A Radio On The Mind si affianca un'altra possibilità di spinta per ragionamenti sul tema della salute mentale: durante la giornata del 10 ottobre sarà possibile acquistare i libri della collana 180 con lo sconto speciale del 15 % a Il Posto delle Fragole in via De Pastrovich 4 – Parco di San Giovanni (TS).

Pagina 1 di 84