LaCollina

MERCOLEDI' 23 SETTEMBRE  APRE LA SEDE HABITAT MICROAREA DI FONDERIA!

Uno spazio per tutte le età e per tutti/e gli abitanti del rione!

Vi aspettiamo numerosi/e per festeggiare insieme:

dalle ore 11.00 "Spazi da reinventare: benvenuti nella comunità educante di Borgo Ex Fonderia - Muggia!". Appuntamento presso gli spazi comuni (scantinati) fra via dei Meccanici 33 e via dei Meccanici 37.
Inaugurazione della mostra diffusa "Canovaccio Sagomato" e prova pratica di "Kamishibai" (antico teatro di strada giapponese, a cura della formatrice Giulia Binali) nell'abito del progetto nazionale "E se diventi farfalla".
Con la partecipazione degli insegnanti, delle bambine e dei bambini della scuola dell'Infanzia "Il Giardino dei Mestieri".

ore 12.00 "La nostra sede!". Entriamo nella sede di via dei Meccanici 43. Presentazione del progetto Habitat Microaree e delle attività in campo a cura degli Enti Partner e della Cooperativa Sociale La Collina

Seguirà un piccolo rinfresco offerto da Coop Alleanza 3.0

Per info: 3273525345; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dopo il grande successo alla Sala Negrisin del Comune di Muggia, la mostra “Canovaccio sagomato” realizzata all’interno dei laboratori di E se diventi farfalla anima altri due luoghi della città di Muggia: il Ricreatorio Penso e la nuova microarea di Borgo Ex Fonderia.

La mostra ripercorre le tappe fondamentali del laboratorio “Canovaccio Sagomato”, un percorso che ha coinvolto, durante l’anno scolastico 2018/2019, circa duecento bambine e bambini delle scuole dell’infanzia e primarie del Comune di Muggia. L’attività, incentrata su un carnet di forme evocative e libere da intepretazioni precostituite, ha generato una serie di micronarrazioni che riflettono la cultura dei mass media, i luoghi e gli oggetti della quotidianità, lo stupore e l’entusiasmo verso i fenomeni della natura. Cos’è l’invenzione narrativa nell’infanzia se non uno strumento per “dare forma e significato al disordine delle esperienze” (J. Bruner)? Cos’è la drammatizzazione se non un’indispensabile forma di relazione e di comunicazione con il mondo circostante? La mostra ora vuole rendere visibile e valorizzare le composizioni realizzate dalle bambine e dai bambini, esplorandone la dimensione processuale, formale e semantica.

Ogni martedì dalle 16.15 alle 18.15, da ottobre a dicembre, i laboratori della mostra diffusa animeranno gli spazi del Ricreatorio Penso. Scomporre e ricostruire sagome, ma anche inventare nuove storie sono alcune dalle tracce da percorrere in compagnia del team "E Se Diventi Farfalla".

A partire dal 23 ottobre, la mostra diffusa “Canovaccio sagomato” sarà presente in contemporanea anche negli spazi della nuova microarea di Borgo Ex Fonderia, che, proprio in quel giorno, sarà ufficialmente inaugurata. Qui, grazie alla collaborazione di Ater - Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale di Trieste, la mostra sarà allestita in uno degli spazi delle cantine comuni, diventando così un primo passo di reinterpretazione e riuso di uno spazio pubblico, ideato dagli stessi bambini che lo abitano.

La mostra diffusa “Canovaccio Sagomato” progettata e realizzata dalla Cooperativa Sociale La Collina in collaborazione con il Comune di Muggia, rientra nel progetto nazionale “E se diventi farfalla”, un’iniziativa selezionata da Con i bambini Impresa Sociale ONLUS attraverso il Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile.

Maggiori informazioni sul progetto e sugli eventi "E se diventi farfalla": www.lacollina.org | tel: 3291977795 | mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La mostra diffusa "Canovaccio Sagomato" atterra al Ricreatorio Penso  di Muggia. Nel mese di ottobre sno 3 gli appuntamenti da non perdere:

-martedì 15 ottobre
-martedì 22 ottobre
-martedì 29 ottobre

dalle ore 16.15 alle ore 18.15 in ricreatorio.

Scomporre e ricostruire sagome, inventare storie e..... sono le attività proposte negli appunatmenti dal team "E Se Diventi Farfalla". La mostra diffusa proseguirà al ricreatorio anche nei mesi di novembre e dicembre. A partire dal 23 ottobre sarà presente in contemporanea anche negli spazi della nuova microarea di Borgo Ex Fonderia.

Ma non si finisce mica qui! Altri appuntamenti vi aspettano in Ricreatorio e in Borgo Ex Fonderia. Per saperne di più Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Mostra Canovaccio Sagomato è un evento del progetto "E se diventi farfalla"

La riqualificazione parte da chi il Parco lo vive

All’interno del Parco Basaglia a Gorizia coesistono numerose realtà tutte da scoprire. Il progetto “Il parco si racconta” si propone di far conoscere queste realtà e tutti coloro che quotidianamente contribuiscono a rendere il Parco un ambiente ricco di progettualità e attività in un contesto più ampio di riqualificazione degli spazi e di apertura alla cittadinanza.

Uno dei primi passi nella realizzazione di questo progetto si è concretizzato nella mappatura del Parco, parlando direttamente con le persone che lavorano o che ci hanno lavorato per raccogliere suggerimenti e idee su come valorizzare al meglio questi spazi e per immaginare assieme gli sviluppi futuri.

Fino al momento della condivisione del prodotto finito, un video che riassuma tutto quello che si è raccolto in queste settimane, verranno pubblicati ogni settimana tre estratti dalle singole interviste.

Questo appuntamento settimanale si apre con due estratti dalle interviste della dott.ssa Zanus e del dott. Bertoli:

https://www.youtube.com/watch?v=MDf2BYubYJc&feature=youtu.be

In questo estratto si racconta il dottor Marco Bertoli, direttore del Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 2 Bassa Friulana-Isontina.

 

Sull'onda dello spezzone di intervista al dott. Bertoli, proponiamo anche un’anticipazione al video promozionale con la dottoressa Paola Zanus Michiei, direttrice del Centro di Salute Mentale di Gorizia.

https://www.youtube.com/watch?v=_8naDO9Tpu0&feature=youtu.be

È prorogata di una settimana la scadenza del bando per la selezione di 39.646 volontari, inizialmente fissata alle ore 14 del 10 ottobre. I giovani tra i 18 e 28 anni - cittadini italiani, di altri Paesi dell’Unione europea o di Paesi extra Ue purché regolarmente soggiornanti in Italia - hanno quindi tempo fino alle ore 14 del 17 ottobre 2019 per presentare la domanda.

La proroga che – spiega una nota del Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio Civile Universale - , è stata richiesta da numerosi enti e da alcune Regioni, risponde all’esigenza di concedere qualche giorno in più ai ragazzi che quest’anno, tra le altre cose, si sono confrontati con una procedura completamente nuova rispetto al passato. L’obiettivo è dunque di favorire la massima partecipazione degli interessati.
Si ricorda che la domanda può essere presentata esclusivamente on line, da PC, smartphone o tablet, accedendo alla piattaforma DOL domandaonline.serviziocivile.it tramite Spid, il Sistema Pubblico di Identità Digitale.

Il progetto di LEGACOOP FVG “Radici di welfare” è stato selezionato per offrire all’interno delle cooperative regionali COSM, NONCELLO, LA COLLINA, CLU BASAGLIA E DUEMILAUNO AGENZIA SOCIALE 11 posti in qualità di volontari.

I volontari saranno inseriti in attività rivolte a persone in situazione di disagio adulto con impegno di circa 30 ore settimanali per 12 mesi per un totale di 1400 ore complessive.
Ai volontari spetta un assegno mensile di € 439,50. Si ricorda che è possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di Servizio Civile Universale, da scegliere tra quelli inseriti nel bando.

Per presentare domanda occorre necessariamente essere in possesso dello Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale, sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid sono disponibili tutte le informazioni su cosa è lo SPID, quali servizi offre e come si richiede).

Per approfondire si invita a leggere il depliant “Radici di welfare”, il bando di riferimento e la sintesi del progetto “Radici di welfare” allegati a fondo pagina.

Per ulteriori informazioni
Paolo Felice:
Tel. 0432 299214 / Cell. 393 9499288
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / www.legacoopfvg.it

Pagina 1 di 291