Dic 04

Mercoledì 27 novembre il gruppo della Ricerca Azione della cooperativa La Collina ha presentato, presso il Centro Anziani Senigaglia di via Faidutti a Gorizia, una grande mappa di Sant’Anna, che raffigura le risorse presenti nel rione. La mappa riporta riferimenti ad associazioni ed istituzioni attive sul territorio con diversi attività e servizi. Ma, soprattutto, sulla mappa sono rappresentati gli abitanti, le cui storie formano il territorio e gli danno vita.
Stando nel rione, il gruppo della Ricerca Azione ha conosciuto molti abitanti ed ha ascoltato molti dei loro racconti di vita, molti ricordi, storie e avvenimenti che riguardano Sant'Anna. Questa mappa è uno strumento per valorizzare tutti questi incontri e per dare rilevanza a chi il territorio lo vive.
All’incontro di presentazione hanno partecipato molti cittadini, referenti del Comune di Gorizia, di servizi dell’Azienda Sanitaria, del Servizio Sociale e del Distretto Alto Isontino, oltre che a referenti di associazioni operanti e/o aventi sede nel rione.
Durante il pomeriggio, inoltre, è stata inaugurata una mostra fotografica sulla storia di Sant'Anna, realizzata da una volontaria in collaborazione con l'Associazione Agorè, Atsam e la Parrocchia.
L’evento è stato un momento prezioso per confrontarsi, assieme ai cittadini e a tutti i partner, su come valorizzare l’importante bagaglio di risorse relazionali messe in campo e su come rinsaldarle per potenziare ed accrescere la rete di soggetti che si vogliono impegnare a rendere il rione di Sant’Anna un posto sempre migliore in cui stare!

SCARICA LA MAPPA IN PDF

Ott 21

MERCOLEDI' 23 SETTEMBRE  APRE LA SEDE HABITAT MICROAREA DI FONDERIA!

Uno spazio per tutte le età e per tutti/e gli abitanti del rione!

Vi aspettiamo numerosi/e per festeggiare insieme:

dalle ore 11.00 "Spazi da reinventare: benvenuti nella comunità educante di Borgo Ex Fonderia - Muggia!". Appuntamento presso gli spazi comuni (scantinati) fra via dei Meccanici 33 e via dei Meccanici 37.
Inaugurazione della mostra diffusa "Canovaccio Sagomato" e prova pratica di "Kamishibai" (antico teatro di strada giapponese, a cura della formatrice Giulia Binali) nell'abito del progetto nazionale "E se diventi farfalla".
Con la partecipazione degli insegnanti, delle bambine e dei bambini della scuola dell'Infanzia "Il Giardino dei Mestieri".

ore 12.00 "La nostra sede!". Entriamo nella sede di via dei Meccanici 43. Presentazione del progetto Habitat Microaree e delle attività in campo a cura degli Enti Partner e della Cooperativa Sociale La Collina

Seguirà un piccolo rinfresco offerto da Coop Alleanza 3.0

Per info: 3273525345; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Set 03

La scorsa primavera a Sant’Anna, nell’ambito dell’attività di “RicercAzione” e con il fondamentale contributo di una volontaria, abbiamo pensato che poteva essere interessante proporre un gruppo di lettura, aperto a tutti, ogni giovedì alle 17 , per incontrarci e leggere i libri preferiti.

Il gruppo, non molto numeroso ma ben assortito e attento, si è incontrato con piacere ogni settimana.

Abbiamo scelto di leggere insieme “Oscar e la dama in rosa” e “Il mondo di Sofia”, intercalati da gustosi capitoli de “Le Maldobrie”.

Nel gruppo di lettura chi vuole legge, chi vuole ascolta, chi preferisce commenta e discute, non ci sono regole se non quelle che si dà il gruppo stesso.

C’è chi partecipa perché ha voglia di uscire e socializzare, chi perché preferisce leggere in compagnia, chi infine vuole ascoltare o commentare.

La lettura ad alta voce in gruppo è un’arte antica che socializza, sviluppa e mantiene le capacità cognitive, favorisce la consapevolezza delle proprie emozioni, allarga le conoscenze, anche a chi non ha voglia o fa fatica a leggere.

Ricominciamo il 12 settembre, con i vecchi e spero nuovi amici. A presto!

Giu 18

Lunedì 17 giugno, in una sala stracolma di gente presso la sede dell'associazione Volontariato Cittadino di via Volta a Monfalcone, si è tenuto l'incontro pubblico di presentazione dei risultati della prima fase del percorso di ricerca azione portato avanti dalla Cooperativa Sociale La Collina su incarico di e in collaborazione con il Centro di Salute Mentale Basso Isontino. Il percorso ha coinvolto e coinvolge anche numerosi altri partner istituzionali, fra cui Ater Gorizia, e del terzo settore (i principali: VCAM, Acat, Acli, Atsam, Caritas), che hanno partecipato alla co-progettazione passo dopo passo delle azioni realizzate con lo scopo di sperimentare e avviare insieme interventi integrati di salute e sviluppo di comunità per l'area di via Volta. Importante infine il protagonismo degli abitanti dell'area, che sono stati coinvolti anch'essi come partner attivi del progetto e che hanno partecipato numerosi all'incontro dello scorso lunedì.

L'idea alla base del progetto è che per la salute e la qualità della vita dei cittadini è importante, per i soggetti che se ne occupano, stare nei territori, a partire dai territori più periferici, conoscerli e occuparsi a tutto campo e tutti insieme di come nei territori si vive e delle possibilità di vivere meglio.

Durante l'incontro è stato presentato e distribuito il volume “Territori in Azione! L'area di via Volta”, che raccoglie una ricca e dinamica descrizione, mese per mese, del lavoro del gruppo della cooperativa La Collina, che è presente sul territorio ormai da un anno e mezzo e che in questo tempo si è occupato di conoscere il rione, i principali problemi e i punti di forza, i cittadini e tutti i soggetti che lo vivono e lo attraversano, e di costruire relazioni, scambi, occasioni di incontro, inclusione e socialità, ma anche di raccordo e confronto con le istituzioni sui bisogni e le possibilità di intervento.

“Da molto tempo ci sentiamo un po' trascurati”, sottolineano alcuni abitanti esprimendo principalmente l'esigenza di una maggiore manutenzione e cura degli spazi comuni, ma anche di momenti di incontro, socialità e possibilità di supporto reciproco.

Il gruppo de La Collina, supportato dal Dipartimento di Salute Mentale, il cui direttore Marco Bertoli ha espresso l'intenzione di dare continuità al percorso per via Volta, non abbandonerà la zona e si è impegnato a continuare giorno dopo giorno a lavorare, con le istituzioni e con i cittadini, per migliorare la qualità della vita nell'area, per la salute e lo star bene dei suoi abitanti.

Giu 14

Dopo diverse altre proiezioni in altre città d'Italia, mercoledì 19 giugno alle ore 21 al Teatro Franco Parenti di Milano (Sala AcomeA) in occasione del 26° Sguardi Altrove Film Festival verrà proiettato il documentario "La città che cura", che, nel raccontare da vicino alcune storie di malattia/salute/cura nel contesto della Microarea di Ponziana riesce a evocare anche la cornice più ampia del progetto Microaree di Trieste e alcune delle contraddizioni in cui si sviluppa. Alla proiezione seguirà un dibattito con la regista Erika Rossi, Massimo Cirri, Michela Degrassi dell'Azienda Sanitaria e Margherita Bono della Cooperativa Sociale La Collina. Verrà presentato nella stessa occasione anche il libro "La città che cura. Microaree e periferie della salute" (Collana 180).

Pagina 1 di 11