Ago 12

Lo svuotamento dei piccoli paesi dell'interno costituisce anche un vuoto di memorie e identità, di relazioni umane, il degrado dell'ambiente e un deserto di speranze.

Per questo il tema di questa edizione, suggerito dalle riflessioni dello scrittore antropologo Vito Teti, è la restanza, intesa come coraggioso impegno per un cambiamento che parte dalla comunità locale, dalle sue tradizioni e risorse, come scelta di riscoperta comunitaria per uno sviluppo innovativo e sostenibile.

Il primo week end di Settembre IT.A.CÀ vi invita a fare una sosta responsabile in Friuli Venezia Giulia, nello specifico a Trieste e Gorizia. Parco di San Giovanni - Triestei e Parco Basaglia a Gorizia saranno luogo di Restanza Urbana, Rivoluzionaria e Consapevole. La Restanza qui è fortemente legata a quella che fu definita "Rivoluzione Basagliana": una Rivoluzione che cambiò completamente il modo di concepire gli instituti di sanità mentale in Italia e nel mondo, attraverso un approccio più umano e inclusivo.

Il manicomio consisteva nel tentativo, da parte di un'istituzione totale, di annientarti come uomo e come individuo privandoti della libertà e identità personale. Potrete prendere parte ad un vero e proprio cammino storico culturale: Itinerari Basagliani vuole proprio affermare la Resistenza di Franco Basaglia e del suo staff, in una Rivoluzione che consiste proprio nel ridare libertà, dignità e nuova vità. Quello a cui prenderete parte è frutto di una rigenerazione urbana dove il Turismo è stato scelto come motore di integrazione e scambio di buone prassi per far conoscere quel che è avvenuto.
••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

Organizzato da La Collina Cooperativa Sociale

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
In collaborazione con Trieste Senza Sprechi, StudioFaganel

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
Con il patrocinio di Legambiente FVG APS, Lister Sartoria Sociale, Azienda per l'assistenza Sanitaria 2 Bassa Friulana Isontina.

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
Media partner Radio Fragola
Food partner Il posto delle fragole trieste

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
Main media partner Dove Viaggi Radio3 Rai GreenMe Italia Che Cambia PleinAir Altreconomia Canale Energia

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
IT.A.CÀ sigla quest'anno un'importante partnership con Oway e insieme lanciano un progetto e un messaggio di valore che consisterà nel raccogliere e ripulire dalla plastica e dai rifiuti i luoghi toccati dal passaggio del festival

Info eventi: https://www.festivalitaca.net/portfolio-articoli/it-a-ca-off-trieste-e-gorizia-2019-oway/

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

Itaca migranti e viaggiatori - Festival del Turismo Responsabile è il primo e unico festival in Italia che si occupa di turismo responsabile e innovazione turistica.
Il festival invita a scoprire luoghi e culture attraverso contest, presentazioni libri, convegni, incontri, laboratori, teatro, musica, documentari, mostre, itinerari a piedi e a pedali per vivere l'emozione del viaggio in maniera responsabile.

www.festivalitaca.net
https://twitter.com/ItacaFestBO
https://www.instagram.com/it.a.ca/
https://www.facebook.com/itacafestival https://www.youtube.com/user/FestivalitacaBO

Vi aspettiamo!

Giu 27

Il primo sabato musicale del Lunatico Festival ospita “Live with Drums” il nuovo tour in duo di Bruno Belissimo, dj produttore e polistrumentista italo-canadese. Il tour arriva dopo la partecipazione ai prestigiosi ESNS EUROSONIC Festival di Groningen (NL), SXSW di Austin (USA) e THE GREAT ESCAPE a Brighton (UK).

Sul palco con lui, alla batteria, il fratello gemello Bonito Belissimo.
Il sound di Bruno Belissimo è influenzato dai classici dell’italo/space disco italiana e dalle colonne sonore dei film horror/sci-fi. Il tutto rielaborato in uno stile contemporaneo e molto personale.
A marzo è uscito per Vulcano Produzioni “Stargate”, il suo ultimo disco.

“Stargate” è un viaggio retro futurista, tragicomico e sci-fi che impasta l’elettronica con sonorità funk, volgendosi ad un certo tipo di dance raffinata e di qualità e alla culture club. Un sound dal playing inconfondibile, ispirato all’italo/space disco ma con l’intento di dare a dei meravigliosi cliché una nuova vita. È il “mixtape” per un ipotetico clubber del futuro in un pianeta da poco colonizzato, nostalgico del suono del buon vecchio pianeta terra.
“Stargate è stato concepito come una trentina di minuti di audio più che come una raccolta di pezzi, la colonna sonora di un lungo piano sequenza in un B movie restaurato, surreale e un po’ ridicolo” – Bruno Belissimo

Prima e dopo musichette selezionate da Madda e Lau, le funamboliche Zwei Knödel!

BIO
Bruno Belissimo è un dj, produttore e polistrumentista italo-canadese.
La sua produzione musicale ha un suono unico influenzato dai classici dell’italo/space disco italiana e dalle colonne sonore dei film horror/sci-fi di fine anni ‘70 / inizio anni ‘80, ma rielaborato in uno stile contemporaneo e molto personale. Dopo l’esperienza con la band Low Frequency Club, nel 2015 è il bassista di colapesce per il tour dell’album Egomostro (2015) e collabora con svariati artisti sia in studio che live. Bruno fonda anche FUTURO, uno studio che si occupa della realizzazione di colonne sonore, installazzioni e sound design. Ethiopia/Galaxy è il primo singolo pubblicato nel giugno 2014 da Locale Internazionale, l’etichetta di cui è co-fondatore, seguito qualche mese più tardi da From Canada/To Paradise e da Infradisco nel 2015, accompagnato da un cortometraggio sci-fi realizzato a Toronto. Nell’aprile 2016 è la volta del primo full-lenght intitolato semplicemente “Bruno Belissimo”. In questo periodo, un’intensa attività live lo porta a suonare in tantissimi concerti in Italia e all’estero: India, Chile, USA e Canada, Svezia, Spagna e Rep. Ceca.
Nel 2017 ancora nuove uscite con il singolo Handsome Music e molti remix mentre il 2018, l’anno di uscita del secondo album “Ghetto Falsetto”, si apre con la partecipazione di Bruno ai prestigiosi ESNS EUROSONIC Festival di Groningen (NL), SXSW di Austin (USA) e THE GREAT ESCAPE a Brighton (UK). Gli show di Bruno Belissimo sono energici e pulsanti e mettono in luce tutto il talento di Bruno, che si esibisce suonando il basso e controllando dal vivo macchine, sintetizzatori e la parte video. Sempre nel 2018 firma la produzione del singolo di Francesca Michelin “Femme” (scritto con Calcutta pagina di). Il 25 gennaio 2019 pubblica un nuovo singolo Blaze Theme, il tema realizzato da Bruno Belissimo in esclusiva per Blaze, canale TV in onda su Sky.

Giu 11

INNOVAZIONE E IMPRESA SOCIALE, TRA MERCATO E BISOGNI INDIVIDUALI”

33esima conferenza annuale della rete europea

Social Firms Europe C.E.F.E.C.

L’evento vuole essere l’occasione per ospitare a Trieste l’annuale Conferenza CEFEC, gruppo fondato nel 1987, che riunisce 47 imprese sociali di 22 paesi europei. Sarà un’opportunità di confronto per discutere dello sviluppo dell’economia sociale europea, con un particolare focus sul potenziale di innovazione delle imprese sociali in contesti di trasformazione politica, economica e civile e sullo sviluppo di strategie ed innovazione nei servizi socio-sanitari, anche per individuare nuove forme di conciliazione tra i bisogni della singola persona e quelli del libero mercato. CEFEC crea ogni anno un momento di scambio e confronto di “best practices sociali” su nuovi temi di discussione con l’intento di sviluppare contributi congiunti da rendere usufruibili e trasferibili anche in altri contesti allargati. Tutto ciò, tenendo conto dei processi di cambiamento che, alla luce di nuovi bisogni, necessitano di sempre nuove risposte e sinergie. L’iniziativa fa parte del più ampio programma dell’evento scientifico internazionale TRIESTE ESOF 2020.

Per info e registrarsi clicca su questo link

CHI SIAMO

DUEMILAUNO AGENZIA SOCIALE cooperativa sociale impresa sociale onlus www.2001agsoc.it

Cooperativa sociale A+B nata dalla fusione di DUEMILAUNO servizi socioeducativi ed AGENZIA SOCIALE nel 2000; nel 2019 celebra i 30 anni di attività. Società che si colloca tra le prime 500 in Regione FVG; con i suoi circa 700 lavoratori, tra soci e dipendenti, è la più grande impresa sociale sul territorio Giuliano ed Isontino. E’ presente coi suoi complessivi 54 servizi educativi/assitenziali/riabilitativi e di reinserimento lavorativo di carattere residenziale e semiresidenziale, domiciliare e territoriale in quasi tutto il territorio regionale nelle province di Trieste, Gorizia, Udine e Pordenone. Lavoriamo per conto di Comuni, Ambiti Territoriali, Aziende Sanitarie, Privati Cittadini erogando servizi rivolti a minori, famiglie e adulti; disabili, con problemi di salute mentale, tossicodipendenti, con disagi di integrazione sociale, migranti. Svolge inoltre servizi educativi per minori e famiglie come nidi di infanzia e centri estivi. Il numero di persone seguite dai nostri servizi è praticamente incalcolabile; si può approssimare una cifra attorno ai 2000.

LOCATION

Trieste è il luogo ideale per ospitare l’iniziativa, in quanto prestigiosa città di innovazione, conosciuta da un lato, per l’importante presenza di realtà scientifiche rinomate a livello mondiale come ICTP, SISSA e Sincrotrone e dall’altro, per la storica rivoluzione nel campo della salute mentale introdotta dal dottor Franco Basaglia, legata all’abbattimento dei muri e delle contenzioni, sostituiti con percorsi di inclusione e democrazia, in un’ottica di sostenibilità ed economia sociale. Proprio a partire da quest’ultima esperienza nel campo della salute mentale, nel 1972 a Trieste è nata la prima cooperativa sociale italiana denominata “CLU Franco Basaglia” per l’inserimento lavorativo di soggetti fragili. Durante il convegno sarà possibile partecipare ad una visita guidata presso il Parco Culturale di San Giovanni, già Ospedale Psichiatrico Provinciale.

Il programma

18 Giugno

POMERIGGIO

Direzione Dipartimento di Salute Mentale Via E. Weiss, 5

15:00 – 18:30

Executive Committee Meeting (solo per membri dell’Executive Committe)

17:00 – 18:30

Visite nel parco culturale di San Giovanni

19 Giugno

MATTINO

Teatro Franca e Franco Basaglia nel Parco Culturale di San Giovanni

9:00 – 9:30

REGISTRAZIONE

9:30 – 13:00

INTRODUCONO

Petru-Vasile Gafiuc: General Secretary, SFE CEFEC – Benvenuto a tutti i delegati di S SFE CEFEC

Felicitas Kresimon: Presidente Social Firms Europe CEFEC e Duemilauno Agenzia Sociale

Eleonora Vanni: Presidente Nazionale Legacoopsociali

Roberto Mezzina: Direttore Dipartimento Salute Mentale ASUITS

INTERVENTI

Lorenzo Torresini: Psichiatria Democratica Europea – San Giovanni 1972, la nascita

Margherita Sartorio: Instituto iXe – Il percepito dell’opinione pubblica sulla cooperazione sociale

Sara Depredi: EURICSE Area ricerca – Bilancio sociale, strumento di analisi e innovazione

Federica Visentin e Manuela Daniel: Legacoop FVG – Progetto Cooperattivamente – Introdurre strumenti

di cooperazione e di economia sociale nei sistemi educativi

COFFEE BREAK

Gerhard Suder: Executive Director Lebenshilfe Soltau e.V. – The long way to participate in working life

Asta Jaseli?nien?: Director Vš? Žmogišk?j? ištekli? steb?senos ir pl?tros biuras – Social enterprises in

Lithuania: Challenges and Opportunities

Richard Mehmet: Managing Director Community Wood Recycling – Community Wood Recycling:

protecting the planet and changing lives – a model to follow?

Umberto Carrescia Citta Azzurra, Circle, Pablo Cangiano Duemilauno Agenzia Sociale, Maurizio Marrone

Circle: Impresa sociale, oltre i confini dell’Europa

TAVOLA ROTONDA

Impresa sociale in Europa, sfide e opportunita

Greece: Athina Fragkouli Pan Hellenic Federation of Social Cooperatives and Society of Social Psychiatry &

Mental Health

Sweden: Patricia Sundstrom, Leif G. Wastfeld Rysseviken, Ulla Landenmark, Construktiva

konsult/Globulen NGO

Finland: Jukka Lindberg, Development Manager, Vates Foundation

Germany: Christiane Haerlin, BAG Inklusionsfirmen

Italy: Fabrizio Valencic, Cooperativa Sociale Arcobaleno

Moderatore: Petru-Vasile Gafiuc, General Secretary, SFE CEFEC

PRANZO

POMERIGGIO

Direzione DSM parco culturale di San Giovanni

14:00 – 17:00

WORKSHOPS

1 PEER to PEER: Il ruolo dei peer support workers nell’impresa sociale.

Coordinano Nicole Schneider con il gruppo di supporto tra pari Duemilauno Agenzia Sociale e

Elena Bortolotti e Luigi Gui Universita degli Studi di Trieste – Dipartimento Studi Umanistici

2 COOPERATIVE SOCIALI DI INTEGRAZIONE LAVORATIVA: Istruzioni per l’uso e stato dell’arte in

Italia.

Coordinano: Alberto Alberani vicepresidente Legacoopsociali, Michela Vogrig presidente COSM

e vicepresidente Legacoopsociali FVG e Luisa Russo Cooperativa sociale Lavoratori Uniti Franco

Basaglia. Partecipano inoltre Giancarlo Carena presidente Cooperativa Sociale Agricola e

Alessandro Darvini Cooperativa Duemilauno Agenzia Sociale

3 PER LA SALUTE E L’INCLUSIONE, B+A – Esperienze di integrazione di rete tra le imprese sociali,

oltre il sistema degli appalti, modelli a confronto.

Coordinano: Stefania Grimaldi Cooperativa sociale La Collina e Sergio Serra Cooperativa

Duemilauno Agenzia Sociale. Intervengono Eleonora Vanni presidente nazionale

Legacoopsociali, Gianluigi Bettoli presidente Legacoopsociali FVG, Dario Parisini presidente

Consorzio Interland, Pablo Cangiano direttore Cooperativa Duemilauno Agenzia Sociale

4 Progetto SEPAL: Supporting Employment Platform through Apprenticeship Learning

Coordinano: Petru-Vasile Gafiuc e Marian Dascalu SFE – CEFEC

5 Progetto SMILES: Integration of vulnerable groups and Migrants: The work on Life Experience

Skills.

Coordinano: Eija Makkonen e Vassiliki Tsekoura

17:30 – 19:00

VISITE DI STUDIO

1 Visite nel parco culturale di San Giovanni

2 Impresa sociale nel territorio di Trieste: Trieste La Bora, Consorzio Ausonia

SERA

Molo Venezia, 1

20:00 – 23:00

SOCIALPARTY

Socialparty al Marina San Giusto con rinfresco e premiazione progetti di eccellenza e start up di impresa

sociale con il benvenuto della Grande Orchestra del “Club Zyp”

e con il concerto sociale di: Maxmaber Orkestar

20 Giugno

Mattino:

Auditorium Museo Revoltella

09:00 – 12:00

INTRODUCONO

Carlo Grilli, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Trieste

Riccardo Riccardi, Vicepresidente Regione FVG e assessore alla Sanita Regione Friuli Venezia Giulia

Vicepresidente Legacoop Regionale

INTERVENTI

Giovanni Carrosio: Universita di Trieste Dipartimento Scienze Politiche – Imprese sociali e sviluppo delle

aree interne

Ludger Kolhoff: Universita Ostfalia , Germania- Start up nel campo sociale – sfide e requisiti

Diego Lo Presti: Societa Mutuo Soccorso Cesare Pozzo – Innovazione sociale nelle politiche di welfare

aziendale e comunitario: cura della salute, prevenzione ed assistenza socio sanitaria con strumenti

mutualistici inclusivi e di impatto sociale

Alberto Dreassi: Universita degli Studi di Trieste – Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali,

Matematiche e Statistiche – Cooperazione, impresa sociale e finanza possono convivere?

Rossella Apollonio, Marianelda Miniussi, Mariella Naperotti: Comune di Trieste SIIL – Elementi di

innovazione nel servizio di integrazione ed inserimento lavorativo

Giuliana Salvador: Comune di Trieste, progetto Trieste La Bora – Un’esperienza di integrazione e produzione lavorativa tra pubblico e privato

TAVOLA ROTONDA

Restituzioni dei lavori dei Workshop del 19

a cura dei chairmen dei workshop con il coordinamento di Umberto Carrescia e Maurizio Marrone

INTERVENTI IN SALA

CONCLUSIONI

A cura della Direzione della rete Social Firms Europe CEFEC e dell’organizzazione del convegno

12:00 – 14:00

Assemblea Soci Social Firms Europe CEFEC

* L’agenda e in fase di costruzione: ordine cronologico degli interventi e nominativi potranno modificarsi

** Nelle sessioni plenarie e PREVISTO UN SERVIZIO DI INTERPRETARIATO inglese – italiano

Mag 27

Mercoledì 29 maggio 2019
Parco di San Giovanni Trieste

Per il quarto anno consecutivo centinaia di bambini e bambine, ragazzi e ragazze si daranno appuntamento in un parco cittadino per condividere la loro passione per la lettura.
L'organizzazione è a cura di: I. C. Dante Alighieri, Comune di Trieste (Servizio Musei e Biblioteche e Servizio Educazione), Cooperativa La Collina, ASUITS, Nati per Leggere, Associazione Linea Azzurra, Radiofragola. Quest'anno si è voluto anche dare un'impronta ecologica alla manifestazione grazie alla collaborazione con AcegasApsAmga per la raccolta differenziata dei rifiuti.
L'edizione 2019, con il titolo LETTORI IN FIORE. Se voglio divertirmi leggo, si svolgerà presso il Parco di San Giovanni nella zona tra il roseto, il bar Il posto delle fragole e il padiglione M.
La manifestazione ha lo scopo di far incontrare gli alunni e le alunne di diverse scuole della città che già si impegnano sul tema della diffusione della lettura. La mattinata (ore 9-
13) è dedicata, solo su iscrizione, alle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, mentre nel pomeriggio (ore 16-18) ci saranno le attività per i bambini della fascia d'età 0-6 anni, a cura di Nati per Leggere, e i laboratori per i ragazzi dei ricreatori
(organizzazione a cura dei Servizi educativi del Comune). Ai partecipanti viene chiesto di preparare un laboratorio attorno al tema dei libri, della lettura, del raccontare storie, anche inventate per l'occasione, da proporre agli studenti di altre scuole.
I partecipanti verranno accolti all'ingresso del padiglione M, in via De Pastrovich 1, dove sarà attivo un punto informativo sulle biblioteche del Sistema Bibliotecario Giuliano e della
rete della Biblioteca Diffusa, nonché sul Patto di Trieste per la Lettura. Verranno organizzate dimostrazioni pratiche sull'utilizzo del catalogo Biblioest e fornite informazioni sulle modalità di accesso alle biblioteche e sulle attività promosse.
Nel corso della mattinata gli studenti iscritti, più di 600, potranno visitare la mostra del museo Oltre il Giardino guidati dai ragazzi del liceo Galileo Galilei (che si occuperanno anche della logistica e della comunicazione), e le mostre presentate dalle classi della scuola secondaria di primo grado Dante Alighieri: Un ponte di libri, dedicata alla figura di Jella Lepman e in ricordo della prima mostra di libri per bambini che si tenne a Monaco nel
1946, o ancora la mostra Senza Parole, dove verranno presentate le attività svolte attorno ai Silent book, libri di sole immagini.
Saranno 12 i laboratori proposti da alunni e alunne delle diverse scuole. Da Mofalcone a cura dell'I.S.I.S. Sandro Pertini e di Damatrà onlus arriverà la Tribù che legge, un'attività di lettura in 8 piccole tende dedicata ai più piccoli della scuola primaria.
Due sono i laboratori a cura della scuola secondaria di primo grado Dante Alighieri: Tana liberi tutti, davanti al padiglione M, è un'attività che ha preso ispirazione dalla storica scritta antistante “La libertà è terapeutica”; Fatti notevoli di quando ero piccolo invece
prende lo spunto dal libro Non ero iperattivo, ero svizzero a cura di Manuel Rossello e ci fa scoprire quanto possono essere profondi, e al contempo esilaranti, i ricordi d'infanzia degli
adolescenti. Anche la scuola Rismondo presenterà due attività, una interdisciplinare tra Lettere e inglese riguarderà Alice in Wonderland, e l'altra, per la quale saranno allestiti totem e libri in 3D, farà incontrare Svevo e Calvino e avrà infatti il titolo Zeno ovvero le
stagioni in città.
La scuola Stuparich, con l'attività Prendiamoci per mano, si dedicherà all'approfondimento del tema dei diritti, ricordando quanto letto nella storia di Malala o nel francese Cecile, il futuro è per tutti, di Marie-Aude Murail, scrittrice molto amata da
adolescenti e adulti.
Due attività saranno invece legate ai temi proposti dal CEPELL a livello nazionale, si tratta de Il Sistema Periodico di Primo Levi, attività inter-disciplinare tra Lettere e Chimica, che approfondirà la tavola degli elementi e i racconti del libro di Levi (a cura del Liceo
Galileo Galilei), e di Giocando con Leonardo (a cura della Divisione Julia) che presenterà una mostra fotografica, ricorderà la vita e le opere del maestro e coinvolgerà i
partecipanti nella costruzione di alcuni manufatti ispirati alle famose macchine. Il più grande incoraggiamento va ai più piccoli della manifestazione: il gruppo lettura delle classi seconde della scuola Sauro che presenterà un'attività di lettura e collage basata sulla storia de Il piccolo principe; un altro gruppo lettura, i Giovani lettori dell'I.T.S.
Deledda-Fabiani, proporrà invece l'attività A caccia di libri, con giochi di improvvisazione e indivinelli sui libri più noti.
Alcune classi II delle scuole secondarie di primo grado dalle 10.30 in poi saranno impegnate nell'attesissima finale del Bibliopalio, organizzato dalla Biblioteca Stelio
Mattioni e giunto già all'ottava edizione.
Attorno alla lettura troviamo anche il racconto orale e le riscritture, in particolare quando si tratta di fiabe, proprio a questo tema sarà dedicata l'attività proposta dalla scuola Caprin, dal titolo Parole in valigia, nella quale si potranno ascoltare fiabe scritte dai ragazzi e si potranno inventare storie.
Non mancherà infine anche un laboratorio con ago e filo per costruire in loco un piccolo libro, si tratta dell'attività Dal foglio al libro proposta dalla scuola Corsi.
Sarà possibile seguire la manifestazione in diretta sui social del Comune di Trieste, e sulle frequenze e il sito di Radiofragola, anche la documentazione dell'evento, foto, video e
interviste sono affidate agli studenti del Liceo Galilei.
Nel pomeriggio, Nati per Leggere organizza dalle 16.00 alle 18.00, al Posto delle fragole (Via De Pastrovich 4), due incontri in contemporanea dedicati alla promozione della lettura in età prescolare. Nel primo verranno offerte letture di qualità e consigli alle famiglie con
bambini da 1 a 6 anni e nel secondo, rivolto a genitori in attesa e neo genitori con bebè da 0 a 12 mesi, si terrà una conversazione sui benefici della lettura fin dal primo anno di vita. Se il tempo lo consentirà gli incontri si svolgeranno all'aperto, in caso di maltempo negli spazi interni.
I Ricreatori comunali parteciperanno all’iniziativa dalle 16 alle 18 con laboratori e giochi diretti a bambini e bambine, ragazzi e ragazze iscritti dai 6 ai 18, che si metteranno in gioco in un pomeriggio di festa che ruoterà attorno ai libri. I ricreatori parteciperanno con le
tipologie di attività che li caratterizzano. I bambini si cimenteranno in esperienze creative manuali, creando segnalibri personalizzati o dei piccoli libri muti utilizzando anche tecniche di stampa con matrice di gomma crepla e la tecnica del pochoir; potranno ascoltare una storia che parla di un
albero e creare, con materiali naturali e biodegradabili, mangiatoie per gli uccellini.
Avranno poi l'opportunità di immergersi nell'esperienza dell'equilibrio fisico, percependolo, osservandolo, raccontandolo e illustrandolo con la creazione di un libro. E, nel contesto
del profumato roseto, cercheranno di capire come fare ad incontrare i protagonisti delle più famose storie, con qualche indizio, un po' di teatro e una foto ricordo. Con il filo rosso che contraddistingue il Ricreatorio, ossia il gioco, si condividerà l'importanza del libro e della lettura come mediatori di espressività soggettive e di gruppo.
In caso di pioggia si svolgeranno regolarmente le attività del pomeriggio, mentre quelle della mattina verranno suddivise tra le diverse scuole e biblioteche partecipanti.

Mag 23

Dal 17 al 20 maggio una delegazione della cooperativa La Collina si è recata ad Ankara in visita al Mavi at Kafè. Un modo per scoprire  e conoscere in prima persona i servizi e le prospettive di questa realtà, un luogo speciale dove, dal 2009, i pazienti schizofrenici diventano protagonisti di attività imprenditoriali legate a servizi di ristorazione, di produzione di materiali promozionali e di realizzazione di eventi.  Partendo dalla valorizzazione delle risorse già esistenti, i meeting in loco si sono soffermati non solo su una indagine conoscitiva degli strumenti già utilizzati, ma sul fornire soluzioni attuabili nell'immediato per  incrementare il livello di autonomia delle persone che già lavorano al Kafè, sfidando il pregiudizio che “gli schizofrenici non possono lavorare”, alleggerendo così il ruolo dei familiari nel loro processo di cura. Ad esempio soffermandosi sull'impirtanza di un uso corretto dei social già in essere attraverso innovative strategie di marketing. Durante gli incontri con i familiari, i pazienti ed alcuni volontari dell'associazione sono stati raccolti materiali di vario tipo, utili per la costruzione della piattaforma formativa online che supporterà le nuove strategie di ristorazione e comunicazione che il tea, sta ideando in queste settimane. 

Pagina 1 di 17