×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 481
Lug 31

Venerdì 3 agosto alle ore 21.00 nella suggestiva cornice del Parco di San Valentino di Pordenone, nel Piccolo Ristoro Al Parco, il Lunatico Festival presenta "Pericoloso a sè e agli altri (e di pubblico scandalo)", reading teatrale sulle storie anonime di uomini e donne reclusi. Attraverso una raccolta di lettere e referti medici degli internati negli anni Trenta dell’Ospedale Psichiatrico di Trieste si raccontano le torture perpetrate giorno dopo giorno nel fisico e nell’anima, suicidi e muti delitti sentenziati dalla violenza istituzionale.

Erano i figli delle classi sociali più povere. Operai, studenti, disoccupati, casalinghe, prostitute, immigrati. Molte di queste creature avevano conosciuto la miseria e le malattie. Avevano perso mariti, figli o fratelli in guerra. Ma nessuno teneva conto di questo dolore. La persona veniva internata dietro richiesta del medico in copia controfirmata dal questore con la formula “pericoloso a sé e agli altri e di pubblico scandalo” ed era considerata come un prigioniero, privato dei diritti civili e di ogni bene terreno. Spogliati della propria identità, dovevano indossare l’uniforme e i loro effetti personali venivano sequestrati.

Venivano recluse nei manicomi le persone affette per qualunque causa da alienazione mentale. Entravano così tutti senza distinzione: ammalati di epilessia, di sifilide, tifo, tubercolosi, sindrome di down; alcolisti e bevitori saltuari, cocainomani; madri affette di depressione post partum o semplicemente esauste da troppi parti, donne picchiate da compagni violenti, adolescenti ribelli, ma anche tanti bambini e bambine: bambini vissuti nella miseria, bambini sordomuti, bambini che spesso diventavano adulti dentro un ospedale psichiatrico.

Franco Basaglia smaschera la follia cieca della violenza istituzionale e oppone il suo rifiuto morale e politico, e insieme alla sua équipe compie una delle più importanti rivoluzioni della nostra storia contemporanea. Seguiamo le vite degli internati attraverso il filo conduttore dei suoi pensieri e azioni che restituirono non solo la dignità al malato ma alla società stessa, quindi a tutti noi che ne facciamo parte, per riflettere soprattutto su chi e cosa siamo diventati oggi.

Documenti raccolti da Tullia Alborghetti, Nicoletta Peloso e Mauro Serio presso l’Archivio di Stato di Trieste

Adattamento Teatrale: Tullia Alborghetti, Mauro Serio, Fulvio Falzarano

Consulenza tecnico artistica: Alessandro Metz

Progetto di Reading Teatrale con la collaborazione di Fulvio Falzarano, Mauro Serio, Tullia Alborghetti, Costanza Dolce, Riccardo Pieretti, Luigi Orsini e Daniele Tenze

 

Lug 31

Venerdì 3 agosto alle ore 19.00 al Lunatico Festival Condominio #Scandaletti, concerto di Parole e Musica. Un cantautore attore e una storia da raccontare. Dieci canzoni sono i dieci piani di un edificio fantastico.

Stefano Scandaletti, voce; Davide Gobello, chitarra; Donald Renda, batteria elettronica; Andrea Beninati, violoncello; Monica Codena, drammaturgia. Dal vivo il repertorio del suo lavoro discografico CONDOMINO #SCANDALETTI. Scandaletti prende ispirazione dalla differente umanità che abita il suo Condominio; dai buchi spuntano chiacchiere, dagli echi delle scale, dai silenzi in ascensore, dalle silhouette illuminate dietro le tende escono i suoni che danno vita a nuove armonie. Scandaletti, in una realtà fantastica, si sposta attraverso i piani, dal suo monolocale fino al superattico. Diversi personaggi sono accomunati, oltre che dallo spazio vitale, dallo stesso senso di perdita dell’identità o confusione, a prescindere dall’età, dallo stato sociale e dalla composizione dei nuclei familiari. Gli abitanti/protagonisti hanno smarrito o mai conosciuto la capacità di amare, e con essa anche la capacità di unirsi come comunità – gli appartamenti non sono altro che camere dello stesso edificio, dove ognuno si sente lontano e diviso.

I brani sfiorano il pop plastico dei video games, degli autoscontri, delle sigle dei cartoni animati giapponesi. Nel loro interno sono compresse parole che trasformano la musica in cibo, droga, battito cardiaco, lamette, baci, occhi lucidi, violenza e passione.

Lug 30

Giovedì 2 agosto alle ore 20.30 il Lunatico Festival presenta "Pericoloso a sè e agli altri (e di pubblico scandalo)", reading teatrale sulle storie anonime di uomini e donne reclusi. Attraverso una raccolta di lettere e referti medici degli internati negli anni Trenta dell’Ospedale Psichiatrico di Trieste si raccontano le torture perpetrate giorno dopo giorno nel fisico e nell’anima, suicidi e muti delitti sentenziati dalla violenza istituzionale.

Erano i figli delle classi sociali più povere. Operai, studenti, disoccupati, casalinghe, prostitute, immigrati. Molte di queste creature avevano conosciuto la miseria e le malattie. Avevano perso mariti, figli o fratelli in guerra. Ma nessuno teneva conto di questo dolore. La persona veniva internata dietro richiesta del medico in copia controfirmata dal questore con la formula “pericoloso a sé e agli altri e di pubblico scandalo” ed era considerata come un prigioniero, privato dei diritti civili e di ogni bene terreno. Spogliati della propria identità, dovevano indossare l’uniforme e i loro effetti personali venivano sequestrati.

Venivano recluse nei manicomi le persone affette per qualunque causa da alienazione mentale. Entravano così tutti senza distinzione: ammalati di epilessia, di sifilide, tifo, tubercolosi, sindrome di down; alcolisti e bevitori saltuari, cocainomani; madri affette di depressione post partum o semplicemente esauste da troppi parti, donne picchiate da compagni violenti, adolescenti ribelli, ma anche tanti bambini e bambine: bambini vissuti nella miseria, bambini sordomuti, bambini che spesso diventavano adulti dentro un ospedale psichiatrico.

Franco Basaglia smaschera la follia cieca della violenza istituzionale e oppone il suo rifiuto morale e politico, e insieme alla sua équipe compie una delle più importanti rivoluzioni della nostra storia contemporanea. Seguiamo le vite degli internati attraverso il filo conduttore dei suoi pensieri e azioni che restituirono non solo la dignità al malato ma alla società stessa, quindi a tutti noi che ne facciamo parte, per riflettere soprattutto su chi e cosa siamo diventati oggi.

Documenti raccolti da Tullia Alborghetti, Nicoletta Peloso e Mauro Serio presso l’Archivio di Stato di Trieste

Adattamento Teatrale: Tullia Alborghetti, Mauro Serio, Fulvio Falzarano

Consulenza tecnico artistica: Alessandro Metz

Progetto di Reading Teatrale con la collaborazione di Fulvio Falzarano, Mauro Serio, Tullia Alborghetti, Costanza Dolce, Riccardo Pieretti, Luigi Orsini e Daniele Tenze


Lug 29

Giovedì 2 agosto alle ore 21.00 il Lunatico Festival arriva anche in Piazza Marconi a Muggia con lo spettacolo Libertà di parola. La pièce conclude il laboratorio teatrale tenuto dallo scrittore Pino Roveredo con l'Associazione Trattamento Alcoldipendenze "ASTRA" e l'Istituto comprensivo "GIOVANNI LUCIO" di Muggia. I giovani partecipanti racconteranno agli adulti la loro città, le loro storie e le loro riflessioni attraverso la “scrittura parlata”, un gioco che offre libertà di parola e di espressione. 

Lug 26

Martedì 31 luglio alle ore 20.30 al Lunatico Festival l'Accademia della Follia presenta lo spettacolo "E mi no firmo" di Claudio Misculin.

I nodi fondamentali del movimento di pensierie azioni di chi fece la rivoluzione basagliana e la conseguente legge 180. Fatti, luoghi, persone. Uno spettacolo non solo storico, ma politico. Narra con una certa precisione fatti, luoghi, persone,.. perché la drammaturgia è stata supervisionata appunto da coloro che quei fatti li hanno fatti. La testimonianza che vuole essere lo spettacolo non è soltanto storica, ma anche politica.

Regia e drammaturgia : Claudio Misculin

Attori: Claudio Misculin, Dario Kuzma, Giuseppe Feminiano, Giuliana Zidarich, Gabriele Palmano, Franco Cedolin, Marzia Ritossa, Roberto Parisi, Giulia Misculin

Pagina 8 di 27