LaCollina

L'azienda per l'assistenza sanitaria del FVG Bassa Friulana Isontina, insieme al Comune di Palmanova e alla compagnia teatrale “Gli Instabili”, presentano “Scheggie di ingiustizia” di Pino Roveredo con la collaborazione di Andrea Picco, uno spettacolo realizzato in occasione della giornata mondiale per la lotta contro l'AIDS.
Si tratta dello spettacolo nato dal laboratorio "Vorrei tanto dirti che…”, uno spazio libero e aperto all’interno del quale i partecipanti possono condividere sensazioni, racconti, idee, progetti…
Il gruppo si riunisce ogni mercoledì sera per un paio d’ore presso il SERT di Palmanova con la mediazione di Pino Roveredo, Andrea Picco e della dott.ssa Caterina Roia. 
Si terrà Domenica 1 dicembre alle ore 18:00 al Teatro “Gustavo Modena” di Palmanova (UD)
Ingresso GRATUITO
In collaborazione con: SC Dipendenze Patologiche dell'AAS2 Bassa Friulana-Isontina, Reset Cooperativa Sociale, Radio Fragola e La Collina Cooperativa Sociale, con il patrocinio del Comune di Palmanova

DOMENICA 1° DICEMBRE ALLE 12, in Sala Veruda, Piazza Piccola 2, inaugura la mostra PIU'OMENOPOSITIVI#9 "Hiv e AIDS stigma e autostigma"

LA MOSTRA DI ARTI VISIVE PIU'OMENOPOSITIVI#9  si inserisce nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione,  informazione, prevenzione e lotta alla discriminazione  proposte per il 1° dicembre 2019, Giornata Mondiale di Lotta all’AIDS,  organizzata dal Dipartimento delle Dipendenze di ASUITs,
coorganizzata con la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, con il Comune di Trieste  e con le Azienda Sanitaria Regionali AAS2, AAS5 e ASUIUd,  gode del supporto dell’Azienda Trieste Trasporti.  Partner dell’iniziativa sono le cooperative sociali Reset, La Collina,  Duemilauno Agenzia Sociale, La Quercia, Clu, Amico  e l’ALT-Associazione di cittadini e familiari di Trieste per la prevenzione e contrasto alle dipendenze.

La manifestazione incoraggia a essere “più o meno positivi” nelle situazioni quotidiane, per vincere i problemi e le difficoltà, per sconfiggere l'AIDS e la solitudine delle persone HIV+. Quest’anno l’attenzione è focalizzata sul tema della stigmatizzazione della malattia e in particolare sul tema dello stigma sociale e dell'auto-stigma, che portano alla vergogna, ritiro sociale e demoralizzazione. Lo stigma esperito, percepito o interiorizzato portano inevitabilmente le persone affette all'isolamento sociale, anche se oggi esistono cure e farmaci validi per arginare efficacemente l'HIV e l'AIDS. Negli ultimi anni sono stati fatti importanti passi avanti nella terapia di questa malattia, ma la guarigione non è ancora possibile. La comunità scientifica internazionale continua a studiare le caratteristiche del virus e le sue modalità d'azione, per ottenere farmaci capaci di eradicare l'infezione e vaccini utili a prevenirla. E oggi nei diversi paesi del mondo si adottano diverse strategie e diversi protocolli sanitari per combattere l'infezione e la malattia; non altrettanto impegno invece viene investito nelle iniziative di comunicazione sociale e di testing, nonostante i dati epidemiologici parlino di numerose nuove infezioni, di diagnosi tardive e di gruppi di popolazione a particolare rischio. Trattare l'argomento con semplicità e correttezza scientifica, coinvolgendo in modo prioritario i più giovani attraverso iniziative attrattive, utilizzando anche i diversi linguaggi dell'arte, consente di abbattere tabù, rompere il silenzio e la paura, animare discussioni ed iniziative aperte a tutti. L’AIDS è una malattia che si può prevenire adottando alcune semplici scelte; fare il test HIV, che è gratuito e anonimo, è infatti importantissimo per conoscere il proprio stato di salute, prevenire il contagio e iniziare il prima possibile la terapia efficace.

Info:
https://www.facebook.com/piuomenopositivi/

 

Il 3 dicembre di vent’anni fa nasceva a Gorizia il Museo della Moda e delle Arti Applicate, una delle poche istituzioni museali italiane dedicate alla storia della moda.

Martedì 3 dicembre alle 18, a Borgo Castello a Gorizia, l'Ente Regionale per il Patrimonio Culturale FVG festeggia il ventennale con l’inaugurazione di una mostra che ripercorrerà i due decenni di attività del Museo e con l’apertura di una nuova sezione "Righe/Quadri/Fiori.

Info > https://musei.regione.fvg.it/

"I percorsi della viandanza" incontro con Luigi Nacci, l'autore di "Viandanza" in collaborazione con AAS 3 - Alto Friuli, Collinare, Medio Friuli e i gruppi:
- gruppo Transumanza CSM San Daniele del Friuli e Azienda Agricola Kuke
- gruppo Montagna terapia CSM Gemona - CAI Gemona del Friuli
- gruppo Montagna Terapia CSM Tolmezzo - CAI Ravascletto
- gruppo Cammino della Luce della Pace - Amici dell'Hospitale, Orto Borto e ragazzi della Comunità

Vi aspettiamo mercoledì 27 novembre alle 18.30 presso la Biblioteca Comunale di Buia, via Santo Stefano n. 92/a.
In Friuli Venezia Giulia ci sono boschi, e foreste sterminate, luoghi in cui si è combattuto ma anche rifugi per vagabondi pacifici, sentieri per viandanti senza bandiera e transumanti che conoscono il valore e i tempi della natura. Il selvatico batte alle porte del centro richiamando la città a guardare alla natura come elemento primario nel percorso di benessere e salute per tutti, importante per l'equilibrio di corpo e mente.

 

L'autore: Luigi Nacci

Luigi Nacci è fondatore del Festival della Viandanza ed esperta guida della Compagnia dei cammini. Dopo il grande successo di "Viandanza. Il cammino come educazione sentimentale" pubblicato nel 2016 da Laterza, quest'anno ha pubblicato Trieste Selvatica sempre per Laterza. Trieste è la città di Maria Teresa, di Miramare, di Sissi, delle regate, dei caffè. Tutto vero. Ma c’è un’altra città: quella di Joyce e di chi, come lui, trascorreva le notti in locali malfamati, in mezzo alla calca umana giunta per cercare fortuna in una metropoli che fino a poco tempo prima era stata un anonimo villaggio. C’era e c’è ancora una Trieste di vicoli, di personaggi al limite tra genio e follia. C’è il Carso, non corpo separato, ma parte integrante della città: labirinto di sassi, boscaglie, doline, foibe, trincee.

 

Invito Novembre Lunatico ok2

Il Servizio Musei e Biblioteche del Dipartimento Scuola, Educazione, Promozione Turistica, Cultura e Sport del Comune di Trieste informa che, per continuazione lavori inerenti la ristrutturazione e l'adeguamento antincendio dei locali al piano terra di palazzo Biserini, l' Emeroteca F. Tomizza rimarrà chiusa fino a domenica 17 novembre, L'Emeroteca riaprirà lunedì 18 novembre alle 9.00 e rimarrà aperta con il consueto orario fino alle 22.45.

Pagina 4 di 298