Set 21

Si terrà a Trieste, dal 23 al 26 settembre 2019, il convegno internazionale realizzato dalla Scuola Internazionale Franca e Franco Basaglia – The Practice of Freedom – dal titolo Good Practice Services: Promoting Human Rights & Recovery in Mental Health.

L’OMS a Ginevra ha chiesto al Centro Collaboratore OMS per la Ricerca e la Formazione in Salute Mentale – Dipartimento di Salute Mentale, ASUI Trieste di collaborare alla realizzazione dell’evento, che includerà presentazioni nazionali e approfondimenti nell’ambito del programma OMS QualityRights, che nasce con l’obiettivo di migliorare l’accesso ai servizi di salute mentale e di promuovere i diritti umani delle persone con condizioni di salute mentale e disabilità psicosociali, intellettuali e cognitive.

I partecipanti provengono da 44 paesi e da tutti i continenti: tra di essi 128 relatori e delegati di governi nazionali, i vertici dell’OMS per la salute mentale e di grandi organizzazioni internazionali quali la WFMH (World Federation for Mental Health), Mental Health Europe, IMHCN (International Mental Health Collaborating Network), IIMHL (International Initiative for Mental Health Leadership), e dei diritti umani (Human Rights Watch). Tra gli esperti, i direttori del NICE della Gran Bretagna e del NIMH americano, della Fountain House International, leader di organizzazioni dell’utenza a molti altri.

Il convegno vuole contribuire ad identificare servizi e programmi nel mondo che si basino sui presupposti della centralità della persona, evitando la coercizione, e sulla risposta ai bisogni delle persone, sul sostegno alla recovery, sulla promozione dell’autonomia e dell’inclusione sociale, in linea con gli standard internazionali sui diritti umani. Nell’ambito del programma QualityRights l’OMS sta infatti completando un documento di orientamento sulle buone pratiche, che si propone di fare una mappatura, identificando e documentando servizi per la salute mentale territoriali, innovativi, promettenti ed emergenti.

Dimostrare che questi tipi di servizi esistono e sono efficaci è fondamentale per informare e ispirare i responsabili politici e altri attori-chiave ad agire e diffondere approcci nuovi e innovativi nell’assistenza in salute mentale in tutto il mondo. Nel convegno saranno quindi presentate pratiche di risposta alla crisi in alternativa al ricovero, di dialogo aperto, di abolizione della contenzione, di supporto reciproco tra persone con esperienza di malattia (peer support) e relativi servizi (recovery college, case per la guarigione), di intervento sugli homeless dall’India alla Francia all’America, di dipartimenti e reti complessive di Servizi (in Francia e Brasile, oltre a Trieste e regione FVG), di interventi sull’area riabilitativa e dell’inclusione sociale (casa, lavoro, etc.) in Nuova Zelanda, Israele e Italia, di progetti personalizzati con budget di cura, di esperienze alternative agli ospedali giudiziari, di pratiche di genere tra donne.

Verrà presentato soprattutto il cosiddetto modello Trieste, quale esempio riconosciuto di un completo cambio di sistema e di paradigma, dalle istituzioni alla comunità, dalla malattia alla persona, fondato su centri di salute mentale aperti sulle 24 ore che rispondono a territori definiti di piccole dimensioni, integrato da altri programmi per l’inserimento socio-lavorativo, per l’abitare supportato e l’inclusione sociale. Ciò ha comportato anche la completa abolizione delle pratiche di contenzione ed un uso dei trattamenti sanitari obbligatori che risulta essere il più basso in Italia (e nel mondo). Il modello del CSM 24 ore in particolare è stato adottato con successo in Svezia e in Brasile, sperimentato in altre regioni italiane, e recentemente in Galles, Repubblica Ceca, Polonia, e nel prossimo futuro a Hollywood come area pilota per la collaborazione con Los Angeles di cui si sono già occupati i media.

Il caso Italia più in generale, con la lotta alla contenzione e la riforma che ha abolito l’Ospedale Psichiatrico Giudiziario e sviluppato servizi alternativi (le Rems), sarà raccontato dai protagonisti. In una tavola rotonda, il già direttore dell’OMS per la Salute Mentale Benedetto Saraceno, formatosi a Trieste, metterà a confronto esperienze di riforma basate sui diritti che provengono da paesi altri, dal Sud del mondo (Africa) e dall’Est Europa. Inoltre si parlerà di esperienze e reti di empowerment, ossia di cosa si muove in Europa e nel mondo per rafforzare la voce e il peso decisionale di utenti e familiari in primo luogo.

Il convegno internazionale sarà anche dedicato ai programmi di cooperazione internazionale e di collaborazione basati sull’esperienza triestina e regionale e attivati dal Centro Collaboratore di Trieste e dalla Scuola Internazionale ad esso collegata, attraverso specifici accordi e convenzioni (tra cui quelle con California, Argentina, Regno Unito, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Polonia, Slovenia ed altri paesi).

Verranno presentate dal Centro Collaboratore di Trieste le Raccomandazioni per il superamento graduale degli ospedali psichiatrici, con un documento elaborato sulla base di una ricerca che ha interpellato i leader delle migliori esperienze mondiali. Inoltre vi sarò spazio per presentazioni di buone pratiche di impresa sociale e inserimento lavorativo, per programmi e servizi che tutelino i diritti, propri di ogni cittadino, al lavoro, alla salute, all’eguaglianza di fronte alla legge, alla vita indipendente e al protagonismo delle persone.

Sarà infine presentata la proposta per la Candidatura al Nobel per la Pace dell’esperienza nata dal lavoro di Franco Basaglia.

Il Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e del Centro Collaboratore OMS – Ricerca e formazione in salute mentale, dottor Roberto Mezzina, presenterà infine gli esiti del lavoro degli ultimi anni a conclusione del suo mandato, rilanciando il lavoro della Scuola Interazionale intitolata ai Basaglia.

Il programma del convegno è disponibile qui.

Set 17

E’ stato pubblicato il bando per la selezione di 39.646 volontari da impiegare in progetti di Servizio civile universale in Italia e all’estero.

Il progetto di LEGACOOP FVG “Radici di welfare” è stato selezionato per offrire all’interno delle cooperative regionali COSM, NONCELLO, LA COLLINA, CLU BASAGLIA E DUEMILAUNO AGENZIA SOCIALE 11 posti in qualità di volontari.

I volontari saranno inseriti in attività rivolte a persone in situazione di disagio adulto con impegno di circa 30 ore settimanali per 12 mesi per un totale di 1400 ore complessive.
Ai volontari spetta un assegno mensile di € 439,50. Si ricorda che è possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di Servizio Civile Universale, da scegliere tra quelli inseriti nel bando.

I requisiti per presentare domanda:
possono partecipare alla selezione i giovani, senza distinzione di sesso che, alla data di
presentazione della domanda, abbiano compiuto il 18° anno e non superato il 28° anno di età,
in possesso dei seguenti requisiti:
- cittadini italiani
- cittadini degli altri Paesi dell'Unione Europea
- cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia

La domanda di ammissione dovrà essere presentata solamente ON LINE entro le ore 14,00 del 10 ottobre 2019 collegandosi al seguente indirizzo:
https://domandaonline.serviziocivile.it

Per presentare domanda occorre necessariamente essere in possesso dello Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale, sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid sono disponibili tutte le informazioni su cosa è lo SPID, quali servizi offre e come si richiede).

Per approfondire si invita a leggere il depliant “Radici di welfare”, il bando di riferimento e la sintesi del progetto “Radici di welfare” allegati a fondo pagina.

Per ulteriori informazioni
Paolo Felice:
Tel. 0432 299214 / Cell. 393 9499288
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / www.legacoopfvg.it

Ago 22

La cooperativa sociale “La Collina” ha da poco preso parte tramite due membri del team di Radio Fragola Gorizia al progetto “Vorrei tanto dirti che…”, uno spazio libero e aperto all’interno del quale i partecipanti possono condividere sensazioni, racconti, idee, progetti…
Il gruppo si riunisce ogni mercoledì sera per un paio d’ore presso il SERT di Palmanova con la mediazione di Pino Roveredo, Andrea Picco e della dott.ssa Caterina Roia.
Ogni anno, partendo dalle produzioni scritte e dagli spunti orali che vengono dati durante gli incontri, lo scrittore Pino Roveredo crea un canovaccio teatrale che viene poi messo in scena presso alcuni teatri locali.
Nel corso degli anni un gran numero di utenti, volontari, operatori e tirocinanti si sono messi in gioco e anche quest’anno i partecipanti sono circa trenta.

Questa bellissima realtà è però ad oggi ancora sconosciuta alla cittadinanza, a coloro che non gravitano attorno ai servizi; per questo motivo è nata una collaborazione con la cooperativa che, grazie ai due operatori presenti costantemente sul campo, documenterà e pubblicizzerà le attività svolte settimanalmente (le produzioni video saranno reperibili sulla pagina Facebook di Radio Fragola Gorizia).
Verrà inoltre prodotto, alla fine del ciclo annuale di incontri, un “documentario-backstage” che racchiuderà i momenti più significativi che avranno portato alla realizzazione dello spettacolo teatrale.

Ago 12

Lo svuotamento dei piccoli paesi dell'interno costituisce anche un vuoto di memorie e identità, di relazioni umane, il degrado dell'ambiente e un deserto di speranze.

Per questo il tema di questa edizione, suggerito dalle riflessioni dello scrittore antropologo Vito Teti, è la restanza, intesa come coraggioso impegno per un cambiamento che parte dalla comunità locale, dalle sue tradizioni e risorse, come scelta di riscoperta comunitaria per uno sviluppo innovativo e sostenibile.

Il primo week end di Settembre IT.A.CÀ vi invita a fare una sosta responsabile in Friuli Venezia Giulia, nello specifico a Trieste e Gorizia. Parco di San Giovanni - Triestei e Parco Basaglia a Gorizia saranno luogo di Restanza Urbana, Rivoluzionaria e Consapevole. La Restanza qui è fortemente legata a quella che fu definita "Rivoluzione Basagliana": una Rivoluzione che cambiò completamente il modo di concepire gli instituti di sanità mentale in Italia e nel mondo, attraverso un approccio più umano e inclusivo.

Il manicomio consisteva nel tentativo, da parte di un'istituzione totale, di annientarti come uomo e come individuo privandoti della libertà e identità personale. Potrete prendere parte ad un vero e proprio cammino storico culturale: Itinerari Basagliani vuole proprio affermare la Resistenza di Franco Basaglia e del suo staff, in una Rivoluzione che consiste proprio nel ridare libertà, dignità e nuova vità. Quello a cui prenderete parte è frutto di una rigenerazione urbana dove il Turismo è stato scelto come motore di integrazione e scambio di buone prassi per far conoscere quel che è avvenuto.
••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

Organizzato da La Collina Cooperativa Sociale

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
In collaborazione con Trieste Senza Sprechi, StudioFaganel

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
Con il patrocinio di Legambiente FVG APS, Lister Sartoria Sociale, Azienda per l'assistenza Sanitaria 2 Bassa Friulana Isontina.

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
Media partner Radio Fragola
Food partner Il posto delle fragole trieste

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
Main media partner Dove Viaggi Radio3 Rai GreenMe Italia Che Cambia PleinAir Altreconomia Canale Energia

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
IT.A.CÀ sigla quest'anno un'importante partnership con Oway e insieme lanciano un progetto e un messaggio di valore che consisterà nel raccogliere e ripulire dalla plastica e dai rifiuti i luoghi toccati dal passaggio del festival

Info eventi: https://www.festivalitaca.net/portfolio-articoli/it-a-ca-off-trieste-e-gorizia-2019-oway/

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

Itaca migranti e viaggiatori - Festival del Turismo Responsabile è il primo e unico festival in Italia che si occupa di turismo responsabile e innovazione turistica.
Il festival invita a scoprire luoghi e culture attraverso contest, presentazioni libri, convegni, incontri, laboratori, teatro, musica, documentari, mostre, itinerari a piedi e a pedali per vivere l'emozione del viaggio in maniera responsabile.

www.festivalitaca.net
https://twitter.com/ItacaFestBO
https://www.instagram.com/it.a.ca/
https://www.facebook.com/itacafestival https://www.youtube.com/user/FestivalitacaBO

Vi aspettiamo!

Ago 01

In allegato i documenti che riportano il progetto di fusione e la relazione del CDA della cooperativa La Collina

Pagina 4 di 21