Feb 14

Saranno circa 40 i ragazzi (di 3^, 4^ e 5^ superiore) coinvolti; 68 le ore di alternanza scuola-lavoro. Due le scuole del capoluogo giuliano interessate (l’istituto tecnico Deledda-Fabiani e il Liceo Artistico E. U. Nordio) assieme ad altrettanti civici musei, quello della Guerra per la Pace - Diego de Henriquez - e il Magazzino 26 (futura sede espositiva del Museo del Mare). Cinque infine, i mesi (fino a maggio 2019) di entusiasmante lavoro nell’ambito di ‘Teen to Teen’ «con il quale puntiamo a coinvolgere i ragazzi nella comunicazione del patrimonio culturale del Fvg, attraverso contenuti multimediali da loro stessi realizzati e pensati espressamente per essere condivisi con i loro coetanei» hanno spiegato Renato Rinaldi e Andrea Collavino, ideatori del progetto - realizzato come capofila da Puntozero con La Collina, e sviluppato in collaborazione con l’ERPAC, Ente Regionale Patrimonio Culturale, e la Fondazione Pietro Pittini, con il supporto delle Fondazioni Friuli, CRTrieste, Antonveneta e della Banca Monte dei Paschi di Siena, e con la cooperazione della sede regionale Rai e i Civici Musei di Udine e Trieste.

I RAGAZZI PARLANO AI RAGAZZI - «Il coinvolgimento degli studenti – hanno sottolineato Rinaldi e Collavino - avverrà in parte con lo strumento dell’alternanza scuola-lavoro, (perché vediamo questo progetto come un avvicinamento dei giovani al settore lavorativo della cultura, come possibile professione) e in parte con degli interventi didattici nelle scuole. Il progetto ha il duplice scopo di insegnare ai ragazzi nuove tecniche di comunicazione applicandole alla diffusione del patrimonio culturale e, allo stesso tempo, di avvicinare le istituzioni che se ne curano alla fascia di pubblico più giovane», hanno chiarito. Gli studenti potranno così vivere in prima persona il ricco patrimonio culturale del Fvg e coinvolgere i loro coetanei, mostrando loro una nuova faccia di quella realtà non sempre conosciuta a dovere e spesso percepita (erroneamente) come ‘vecchia e noiosa’. Attraverso un accurato e strategico piano di comunicazione i ragazzi potranno condividere l’esperienza culturale fatta, lavorare in gruppo, conoscere e apprendere l’utilizzo di tecniche di videomaking, found footage, mashup e animazione. Per realizzare tutto questo saranno coinvolti nelle attività dei tutor: professionisti ed esperti, a livello nazionale, nel campo della comunicazione e della didattica museale (Matteo de Benedittis, Vincenzo Gioanola, Debora Vrizzi, Marina Rosso, Anna Givani, Carlo Cossignani, Luca Gabrielli, Christian Jugovac - Sudio Iknoki-, Jan Sedmak e Lucia Vazzoler -Radio Fragola-), saranno loro i docenti che guideranno i ragazzi in questa nuova ‘avventura’ formativa. I cinque mesi di lavoro saranno narrati anche in un documentario che: «permetterà di dare seguito a questa esperienza anche negli anni a venire poiché pensato come strumento di lavoro», hanno concluso i due ideatori di ‘Teen to Teen’.

Feb 06

Dal 9 febbraio al 5 maggio è possibile visitare la mostra interattiva "Tra natura e scienza: le macchine di Leonardo" alla Centrale Idrodinamica di Porto Vecchio Trieste. I modelli in mostra sono tratti dai codici Atlantico e di Madrid, frutto di anni di esperienza e, unici nel loro genere, sono perfettamente funzionanti e interattivi. L'idea di base è affiancare due aspetti fondamentalmente importanti ed apparentemente molto diversi della nostra società, ma strettamente interdipendenti: il sapere ed il lavoro. In questo senso, una caratteristica peculiare di questa mostra è la sua connotazione altamente formativa nella presentazione e nella realizzazione delle idee di Leonardo da Vinci che hanno ispirato tantissime invenzioni tecniche attuali ancora oggi.

Apertura mostra dal giovedì alla domenica dalle 10 alle 17 con orario continuato.

Per informazioni e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I servizi di accoglienza al pubblico sono a cura della cooperativa sociale La Collina. 

Gen 16

Due giorni di apertura straordinaria con orario continuato dalle 10.45 alle 18.00 per festeggiare assieme il traguardo raggiunto e iniziare a far conoscere i nuovi spazi.

 

Sabato 19 gennaio

ORE 10.45
Inaugurazione del
Polo Culturale di Casa Maccari
Area antistante Casa Maccari- via della Campagnola 18
Discorsi delle Autorità
A seguire visita libera agli spazi della Biblioteca, del Museo Civico, della Sala Conferenze, dello Spazio Giovani/Aula Laboratorio

ORE 12.00
Brindisi per tutti gli intervenuti
DALLE ORE 15.00 ALLE ORE 17.30
MUSEO DOCUMENTARIO DELLA CIT TÀ
Le guide del Museo accompagneranno i visitatori ad una prima scoperta della nuova sede espositiva. Partenza delle brevi visite
guidate ogni 30 minuti, per gruppi di massimo 25 persone. Ultima visita con partenza alle ore 17.30 (chiusura Museo ore 18.00)
Le visite guidate sono gratuite.
ORE 15.00
BIBLIOTECA CIVICA – SALA DI LETTURA
Carta con le ali. Lettura scenica per una biblioteca nuova
A cura dell’Associazione Culturale Fierascena
ORE 15.30
SALA CONFERENZE
arch. Giovanni Pietro Nimis, arch. Giuliano Nimis (StudioNimis
Associati), arch. Giovanni Bressan (Comune di Gradisca d’Isonzo)
Il recupero architettonico di palazzo Maccari alla luce delle sue
funzionalità
ORE 16.00
BIBLIOTECA CIVICA – SALA RAGAZZI
Letture a braccia aperte in una nuova casa(letture per bambini fino
ai 6 anni) A cura del gruppo delle lettrici volontarie “Le Fantastorie”
ORE 16.00
Dario Cominotto (INSIEL S.p.A)
Il progetto di FVG Digital Academy - il network dei Centri Didittici Digitali Diffusi. Presentazione del Centro Didattico Digitale Diffuso (CDDD)
In occasione dell’inaugurazione della Casa della Cultura dalle
11.30 alle 13.30 Radio Fragola Gorizia, web radio della Cooperativa
“La Collina”, propone “MICROFONI APERTI A CASA MACCARI”, uno spazio dedicato alla raccolta di interventi dei cittadini e degli interessati che parteciperanno all’evento per la realizzazione di un podcast

 

DOMENICA 20 GENNAIO


Anche domenica le guide del Museo accompagneranno i visitatori alla scoperta della nuova sede espositiva.
Sono previste tre visite: una alle ore 11.30, una alle ore 15.30 e l’ultima alle ore 16.30.
Le visite guidate sono gratuite.

 

DALLE ORE 10.45 FINO ALLE 12.00
BIBLIOTECA CIVICA
Appuntamento con Nati per Leggere FVG.
Letture per bambini nei tanti spazi da scoprire di Casa Maccari
ORE 11.00
SALA CONFERENZE
Dott.ssa Lucia Pillon
Il progetto scientifico del rinnovato Museo Documentario della
Città di Gradisca d’Isonzo
ORE 11.30
SALA CONFERENZE
Arch. Moira Morsut, arch. Ramon Pascolat (Studio mod.land)
Il progetto di allestimento del Museo di Gradisca d’Isonzo
ORE 12.00
SALA CONFERENZE
Incontro con 4DODO srl
Multimedialità oggi: la nuova frontiera tra reale e virtuale nella
costruzione e fruizione di un museo.
ORE 15.00
AULA LABORATORIO – SPAZIO GIOVANI
“Una radio da favola”
Laboratorio radiofonico per i più piccoli (7-10 anni). Il laboratorio
radiofonico utilizzerà la radio e le fiabe come mezzi per spiegare ai
bambini l’importanza della lettura coinvolgendoli nella creazione di
un’audio-favola da ascoltare sul sito della Radio.
A cura di Radio Fragola Gorizia

Gen 08

Fino al 17 febbraio il Magazzino delle Idee ospita Stars, ritratti fotografici di Terry O’Neill, grande fotografo britannico che ha immortalato leggende del cinema e della musica dagli anni Sessanta agli anni Novanta del Novecento con un approccio originale al ritratto. David Bowie, Elton John, Nelson Mandela sono alcuni dei personaggi ritratti in mostra.

I servizi didattici e museali della cooperativa sociale La Collina in collaborazione con Erpac organizzano le visite guidate alla mostra con prenotazione obbligatoria. Il costo è di 60 euro e prevede un massimo di 20 persone.

Per ulteriori informazioni o prenotazioni è possibile rivolgersi al numero +39 040 377 4783 o alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gen 07

Al Museo d’Arte Moderna UGO CARÀ di Muggia nell'ambito di STORIE DALL’ARCIPELAGO SOTTOSOPRA personale di Philip Giordano, ospite d’onore de Le immagini della fantasia 35, domenica 13 gennaio alle 10.30 arriva A bassa voce: incontro per famiglie con bambini (dai 2 anni) inserito nell'iniziativa Incontriamoci #abassavoce gennaio – marzo 2019 promossa dal progetto locale triestino di Nati per Leggere Friuli Venezia Giulia.

STORIE DALL’ARCIPELAGO SOTTOSOPRA: IL MIO MONDO DISEGNATO, MA ANCHE IL GIAPPONE E LE SUE CONTRADDIZIONI
"Vivere a Tokyo è stato come guardare il mondo attraverso uno specchio
che restituisce le immagini al contrario.
Negli ultimi sette anni mi è sembrato di vivere in un mondo sottosopra:
in sospensione, dentro una bolla, circondato dal mare e lontano da tutti.
Consapevolmente isolato, parcheggiato in una realtà parallela."
Philip Giordano

Un italiano figlio del mondo, che con il suo sguardo vive, immagina e reinterpreta la cultura e le storie di un arcipelago “sottosopra”, fluttuante sull’oceano sotto i raggi del sole che nasce. Le opere di Philip Giordano, ospite d’onore de Le immagini della fantasia 35, accolgono i visitatori con il racconto del suo Giappone, quello vissuto in prima persona dopo il trasferimento a Tokyo: nato nel 1980 in un piccolo paese della Liguria da madre filippina e padre svizzero, il suo è infatti un percorso che inizia in Italia per allargarsi da subito al mondo intero.
Storie dall’arcipelago sottosopra è il titolo scelto per la sua personale: un viaggio nel Paese dove Giordano ha scelto di trasferirsi, tra icone senza tempo come il Monte Fuji ammantato di neve e scenari onirici percorsi da meduse fluttuanti e draghi, principesse e imperatori, animali mitologici e guerrieri senza paura, come Momonoko Taro che nacque da una pesca e andò a caccia di oni, cioè di demoni, armato di sensu - il ventaglio tradizionale - e in compagnia di tre amici: un cane, un babbuino e un fagiano.

"Come attraversando un torii (??), un portale giapponese, con questa mostra personale si varca un confine invisibile e si arriva in un mondo fantastico popolato di esseri misteriosi e ambientato in meravigliose fiabe come Oshirasama, Urashima Taro, Kaguya-hime no monogatari, da oggetti che prendono anima come sorprendenti Y?kai e dall’universo mondo delle forme naturali di fauna e flora osservato con la massima meraviglia e celebrato dalle illustrazioni. La mostra è anche una sorta di cerchio magico di protezione, disegnato dall’illustratore attorno al proprio autoritratto sorridente in forma di gatto, con la matita Mitsubishi 9B."
Monica Monachesi
curatrice de Le immagini della fantasia 35

Philip Giordano ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Brera a Milano, studiato illustrazione allo IED e ottenuto un master in Tecniche d’Animazione a Torino. Da alcuni anni si è trasferito in Giappone. I suoi libri illustrati sono stati tradotti in tutto il mondo e ha collaborato con riviste, musei, fondazioni e case editrici internazionali. Nel 2011 ha vinto l’International Award for Illustration – Children’s Book Fair di Bologna, e il suo primo libro come autore, Il pinguino che aveva freddo (Lapis, 2016), ha vinto il Premio Andersen nel 2017 come Miglior libro 0–6 anni.

Pagina 5 di 28